Sei semplici regole per riconoscere un falso Amarone

L’Italia è riconosciuta in tutto il mondo per essere un paese dalle mille risorse e dai mille tesori. Arte, cultura, moda, eccellenze agroalimentari… e vino. Soprattutto il vino, visto e considerato che è una delle voci di esportazione che pesano di più. Solo nel 2016, infatti, ne sono stati esportati 5,6 miliardi di euro.
Purtroppo, più un prodotto è ricercato e rappresenta un’eccellenza, maggiori sono i tentativi di contraffazione. È il caso dell’Amarone della Valpolicella, vino di grande pregio che conta innumerevoli estimatori e che è diventato un vero e proprio status symbol in tutto il mondo.
Si stima che per ogni bottiglia di vino italiano originale presente sul mercato, ve ne sia una contraffatta. Si parla quindi di un rapporto 1:1, e per il mondo dell’agroalimentare si tratta di una perdita di 60 miliardi di euro l’anno, senza considerare le energie investite nei controlli e nelle strategie anti-contraffazione messe in atto per combattere il fenomeno. 

È possibile limitare al massimo il rischio di acquistare una bottiglia di Amarone della Valpolicella (o di altri vini DOC e DOCG) non originale? 
Certamente sì. Questi sono gli aspetti da considerare (e le domande da farsi) quando si acquista una bottiglia di vino italiano. 
1) Il prezzo. 
È chiaro che tutti cercano di fare l’acquisto migliore, ma bisogna sempre tenere in considerazione i costi di produzione di un prodotto di qualità. Nel caso specifico dell’Amarone della Valpolicella parliamo di un vino le cui uve vengono fatte appassire per alcuni mesi, due fasi di fermentazione, due passaggi in botte e un riposo di alcuni anni. Un Amarone non può essere imbottigliato prima di tre anni dalla vendemmia. È chiaro che un vino il cui processo è così lungo e delicato non potrà avere un costo basso. La qualità ha un prezzo. 
2) Italiano è diverso da Italian-Sounding.
Prestate sempre attenzione a ciò che state comprando, e quindi comprate informati. Parmigiano è diverso da Parmegian. Quindi, se cercate un Amarone della Valpolicella diffidate da qualcosa che suona simile ma non è quello che cercate. 
3) Usate internet.
Tutti al giorno d’oggi hanno accesso a Internet. Se siete in dubbio su un’etichetta o un vino, cercatelo sul web. Ormai tutte le cantine di qualità hanno un sito internet e sono presenti sui social. Una breve ricerca potrà rassicurarvi. 
4) Fate attenzione alla dicitura DOC e DOCG. 
Abbiamo scritto un articolo a riguardo. Tutti i vini di alta qualità in Italia portano la dicitura DOC (Denominazione di Origine Controllata) e DOCG (Denominazione di Origine Controllata e Garantita). L’Amarone della Valpolicella, in particolare, a partire dal 2010 può essere esclusivamente DOCG. Attenzione quindi alle sigle. 
5) La filiera DOC e DOCG è incredibilmente stretta e severa. Pensate che i controlli vengono fatti dalla Guardia di Finanza e che ogni singola bottiglia deve essere contrassegnata da un’apposita fascetta che determina la provenienza della bottiglia. Sulla fascetta devono essere presenti il simbolo del monopolio di stato, il QRcode e due codici alfanumerici, oltre alla definizione del vino. 
(Nella foto abbiamo oscurato parzialmente i numeri dell’etichetta per motivi di privacy).


6) Se il vino ha un sapore strano, non bevetelo! 
Stiamo parlando di eccellenze Italiane, e se avete acquistato un vino di alta qualità da una cantina di buon nome come potrebbe essere l’Amarone della Valpolicella, è assai improbabile che il vino sia cattivo o abbia un sapore strano. In quel caso rivolgetevi al vostro rivenditore, vi saprà sicuramente aiutare. 

Insomma, scegliere un vino con consapevolezza e senza correre rischi di essere raggirati è possibile, basta stare attenti. Purtroppo i truffatori rovinano il mercato, ma i produttori veri combattono la contraffazione tutti i giorni, portando in alto il nome e la qualità del Made in Italy.

Social

Seguici


Degustazione vini

LUN VEN

8.30 - 12.30 / 13.30 - 17.30

Prenota

Wine Shop

LUN VEN

8.30 - 12.30 / 13.30 - 17.30



SAB

8.30 - 12.30 (su prenotazione)

© 2017 Accordini Igino Società Agricola - P.Iva 03654390230 | Tutti i diritti sono riservati | CREDITS - Terms of Use - Privacy Policy
Top